L'igiene del neonato


Detergenti, saponi, shampoo, creme, latti corpo: ma quanto ci costa il bagnetto del bebè?


La lista dei prodotti per la cura neonato è davvero infinita e spesso ci si orienta sulle marche più note e costose, desiderosi di garantire il meglio ai nostri cuccioli.

Del resto, si dice che la pelle dei bambini è “delicata”, quindi per il nostro piccino solo i prodotti “giusti”, i migliori.

Ma cosa serve realmente per garantire l’igiene e la cura del corpo del bebè?


Barattoli e flaconi colorati richiamano l’attenzione dei genitori dagli scaffali dei negozi di prima infanzia e delle farmacie.

Ma servono “veramente” per il bagnetto del bebè?

La risposta, come mi disse la nostra cara ostetrica Roberta (e come già ci aveva detto l'ostetrica Laura del corso preoarto) è NO!

L'unica cosa che serve è... acqua tiepida! Se si vuole so può aggiungere un cucchiaino di amido di riso o di amido di mais.

Questo perché il neonato non è sporco. Il bagnetto serve per rilassarsi, rinfrescarsi nei mesi caldi, creare una piacevole routine, non per “sgrassare” la pelle con saponi e detergenti.


Quando il bambino inizierà a sporcarsi perché gattonerà in giardino e mangerà pastasciutta, un normale detergente delicato, utilizzato anche per il resto della famiglia, andrà benissimo. E lo shampoo? Per i capelli del neonato non serve certo un prodotto ad hoc e per i bambini con chiome particolarmente fluenti si potrà usare una piccola quantità di shampoo delicato (sempre quello della famiglia) diluita in acqua, o una saponetta alla calendula, insaponando le dita per frizionare la testolina del bambino.


Tutte le informazioni qui riportate vengono dalla nostra esperienza personale, dai consigli delle ostetriche e dalla rivista pediatrica Uppa, fonte super valida e sempre aggiornata.


Ci vediamo presto con un altro articolo sulla locazione del bagnetto!



#neonato #bagnetto #prodottineonato #curadelbebe


14 visualizzazioni0 commenti