• laugerva

Lettino montessoriano


In una cameretta a misura di bambino non dovrebbe mai mancare un lettino montessoriano.

Si tratta semplicemente di un lettino molto basso che non supera i 20/25 cm da terra, materasso compreso.

Questa sua caratteristica permette al bambino di salire e scendere in autonomia, di vedere bene tutto ciò che lo circonda, senza sbarre che fanno sembrare il lettino una " prigione".


Ovviamente il bambino potrà girare libero per la sua stanza, quindi questa dovrà essere priva di qualsiasi pericolo, ad esempio le prese di corrente dovranno essere coperte, inoltre bisognerà assicurarsi che tutto sia ben fissato e che i mobili siano bassi, per far si che il bambino non debba arrampicarsi per raggiungere degli oggetti.

Anche in casa non dovranno esserci pericoli perché il nostro cucciolo sarà libero di girare.


Inoltre, per rendere ancora più sicura la zona nanna, sarebbe bene aggiungere un tappeto sotto il letto, in questo modo in caso il bambino rotolasse sul pavimento questo risulterà più morbido.


Ma quando è giusto proporre il lettino Montessoriano?


Non c'è una risposta corretta, in quanto dipende molto da bambino a bambino, infatti sappiamo benissimo che ogni cucciolo ha i suoi tempi.

In linea di massima, si potrebbe iniziare quando comincia a spostasi in autonomia, prima gattonando e poi muovendo i primi passi.

Tuttavia, il mio consiglio è quello di cominciare a fargli conoscere questo nuovo spazio prima che inizi ad utilizzarlo come lettino per la nanna, ad esempio passandoci del tempo leggendo, giocando oppure facendo un riposino pomeridiano; di modo che si possa iniziare a familiarizzare con esso e quando sarà il momento di passarci tutta la notte, il bambino si sentirà più sicuro e tranquillo perché è un posto che già conosce, a lui familiare.

La stessa cosa vale per la cameretta, anche se non ci dorme, è bene che ci passi del tempo e la possa conoscere prima che diventi la sua stanza per la nanna.

In ogni caso ricordiamoci che, secondo le linee guida dell' OMS, i neonati fino a 12 mesi dovrebbero dormire nella stessa stanza dei genitori al fine di ridurre i rischi di SIDS.


Quale lettino scegliere?


In commercio esistono molte varianti e proposte.

Una soluzione economica è quella di acquistare un letto normale e tagliargli le gambe all' altezza desiderata.

Per la mia bambina Giorgia io ho optato per questa seconda soluzione, ho acquistato un lettino IKEA, a cui ho accorciato le gambe e per rendere piú accogliente la struttura, il papà ha aggiunto dei travetti di legno che vanno a formare una casetta.




E voi che lettino avete scelto?








11 visualizzazioni0 commenti