Spasmi affettivi o apnee affettive



👉🏼Cosa sono gli spasmi affettivi?


Sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia. È un fenomeno piuttosto comune e si stima che interessi il 5% dei bambini in una fascia di età compresa tra i 6-9 mesi e i 4-5 anni di vita.

Può capitare che il bambino diventi pallido in viso e che compaia un alone bluastro attorno alle labbra (cianosi) con successiva perdita di coscienza. La perdita di coscienza dura un brevissimo periodo, generalmente pochi secondi, e talvolta si associa a revulsione dei bulbi oculari. Il tutto si può accompagnare ad una alterazione del tono muscolare, di solito consistente in un irrigidimento di tutti i muscoli oppure a ipotonia.

Meno frequentemente si associano delle mioclonie, ovvero piccoli spasmi e contrazioni muscolari involontarie.

L’evento si risolve nell’arco di pochi secondi, il bambino fa una profonda inspirazione e riprende a respirare normalmente.


👉🏼 Cosa fare dopo la crisi?


Terminata la crisi e tranquillizzato il bambino è consigliato riprendere le normali attività, come se niente fosse successo cosi che il bambino non lo usi in seguito come modo per ottenere ciò che vuole o l’attenzione della mamma o del papà.


👉🏼 Gli spasmi affettivi non sono pericolosi, non provocano danni al cervello e tendono a passare da sé con la crescita del bambino.



13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti